Bio

bio

Nome: Elisa
Nazionalità: Globale
Residenza: Baviera
Professione: Architetto (tra un viaggio e l’altro…)
Segni particolari: Wanderlust
Allergie: abitudinarietà
Hobby: Fotografia
Gatti: Tabú e Zigulí
Marito (rigorosamente dopo i gatti): Daniele

In 38 anni di vita ho messo piede in 40 paesi e non intendo fermarmi. I ricordi sono ammassati nei byte della mia memoria, e ho pensato che a questo punto un backup sia doveroso, e così nasce Wanderlust Memoir. Ho scelto questa parola tedesca perché è quella che meglio rappresenta il mio spirito: “in sociologia Wanderlust significa desiderio di viaggiare, di fare nuove esperienze, vedere nuovi posti e vivere la libertà e l’emozione di essere stranieri”. È una delle intriganti parole con cui la lingua tedesca riesce ad esprimere con estrema sintesi un concetto complesso; mi piace molto questo aspetto della lingua del Paese che ormai da 6 anni mi ha accolta.
Lo scopo di queste “memorie di una vagabonda” (come un’amica speciale le ha ribattezzate) non è produrre una guida di viaggio, ma raccogliere i miei ricordi e proporre un punto di vista completamente personale su alcune esperienze che si possono vivere viaggiando. Non scriverò dettagli per le prenotazioni o costi dei biglietti di ingresso, mi soffermerò piuttosto sulle sensazioni e sulle emozioni di quei momenti, e se questo stuzzicherà il vostro interesse, mi farà molto piacere rispondere alle vostre domande ed eventualmente darvi qualche consiglio per pianificare la vostra visita.
A questo punto non resta che partire. Buon viaggio!